Quello che faccio.

Non trascurare le piccole buone azioni,
pensando che non sono di alcun beneficio;
anche le piccole gocce di acqua alla fine riempiranno
una grande nave. Non trascurare le azioni negative
solo perché sono piccole; per quanto piccola possa
essere una scintilla, può bruciare un pagliaio grande
come una montagna.
Buddha.

Questo è quello che sto facendo. Pian piano noto dei piccoli risultati. Con la mia mente ribollente, fervente, fermentante.

E’ proprio così: le piccole gocce d’acqua riempiono una grande nave. Appena arriva un giudizio ( la frase classica è sempre – sentita anche in radio proprio adesso – “a Mio giudizio”, “se mi consente..” . NO. Osservo il giudizio e mi dico: “Ma ancora? Stai giudicando, adesso basta”. E formulo un pensiero neutro di accoglienza e gentilezza. Pian piano il meccanismo cambia. Il classico giudizio che sorge immediato alla vista non c’è quasi più. Ho notato che in me si apre, quasi sempre,  un bel sorriso interiore di fronte alla persona. Chiunque essa sia.

Fa bene! Tutto ciò fa bene alla salute, ai rapporti interpersonali, all’energia.

Porta gioia, leggerezza, intelligenza chiara e puntuale, passo musicale, boccioli di sorriso.

Buona giornata e buon fine settimana.

L’immagine è una foto da “lomellina winter”.

 

6 risposte a "Quello che faccio."

  1. yourcenar11 ha detto:

    Aprire “finestre”, guardare negli occhi, provare a capire, sorridere (che bella la tua espressione (“boccioli di sorriso”), soprattutto non salire sui gradini per giudicare. È un training lungo, ma efficace e ti fa stare meglio. Hai perfettamente ragione! Un abbraccio 🤗

    Piace a 1 persona

    1. auacollage ha detto:

      Ciaooooo! Che bello leggerti! Esattamente come dici tu: training lungo ma efficace! Piano piano con costanza e poi il cuore diventa più leggero.❣️❣️❣️❣️🌹Buona domenica.

      Mi piace

  2. Non Solo Campagna - Il blog di Elena ha detto:

    Anch’io sto cercando di avere un atteggiamento diciamo neutro e tollerante. Tante cose non mi piacciono, ma non sono io con le mie reazioni a cambiarle. Aspetto. Se è il caso che veda io i cambiamenti, così sarà. Altrimenti ne ho guadagnato in serenità.

    Mi piace

    1. auacollage ha detto:

      Io cambio me perchè non mi sento bene in quegli atteggiamenti, miei.
      Io non mi sento a mio agio dentro di me. Fuori, sono d’accordo, la vita è un lungo fiume tranquillo e se ti accomodi sulla riva prima o poi le cose cambiano. Dal mio punto di vista se una cosa non mi piace prima di tutto guardo dentro di me come mi pongo. Così anche per il macro sistema: non eliminerò il razzismo ma mi comporto civilmente. Non ripulirò la Terra ma cerco di rispettare l’ambiente il più possibile. Un abbraccio.

      Mi piace

I commenti sono chiusi.